Cinematrografo 2017 – Parte seconda

1 Raoul Peck, I’m not your negro (8) (“Lo choc è stato scoprire di non essere dalla parte di Gary Cooper contro gli indiani, ma essere come gli indiani”)

2 Alain Gomis, Félicité (7,5) (“Ti pare che sono venuta qua per la tua bellezza?” E perché?” “Passavo di qua”)

3 Jérôme Reybaud, Jours de France (7,5) (Ritrovando bussole: Nord, Sud, Ovest, Est, Grindr)



4 Julia Ducornau, Grave (7,5) (Sorelle, Amori, Malanimi)

5 Claude Barras, Ma vie de courgette (7) (Il mondo non finirà oggi)

6 Aki Kaurismäki, L’altro volto della speranza (7) (Il mondo finirà stanotte)

7 Claire Simon, Le concours (7) (Vie’ qua che t’imparo il cinema)

8 Edoardo De Angelis, Indivisibili (7) (Viola e Daisy, Daisy e illusioni)

9 Claudio Giovannesi, Fiore (6,5) (Molto Roma, Molto pensare a Roma, Molto Scoccia)

10 James Gray, The lost city of Z (6,5) (La scena finale, non solo ma anche)

11 Gastón Duprat + Mariano Cohn, El ciudadano ilustre (6,5) (Nemo, propheta, patria)

12 Camila José Donoso, Casa Roshell (6,5) (Storie vere? Storie vere)

13 M. Night Shyamalan, Split (6) (E i cliffhanger cazzoni)

14 Raúl Arévalo, Tarde para la ira (6) (“No ma l’ha superata bene”)

15 Sylvain George, Paris est une fête (5) (Così impari a scegliere i titoli degli altri)

16 Hamé + Ekoué, Les derniers parisiens (4,5) (A lungo scepà, finalement mmouais)

17 Pierfrancesco Li Donni, Loro di Napoli (4,5) (non volevo, giuro, non volevo)

18 Justin Kelly, King Cobra (0 con lo stoppino) (James Franco si te pijo)

(Alcuni, non tutti, tra marzo e aprile)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *