Letizia Battaglia – Palermo 1986

 Da un paio di anni mi fa sempre la stessa domanda e io non so risponderle. Chiede: «Dimmi come posso raccontare la mafia di oggi, non riesco a vederla, non so più come fotografarla». Non ci sono più cadaveri per le strade di Palermo. E non ci sono più boss dietro le sbarre dell’aula bunker, come al tempo del maxi processo di Falcone. E anche Letizia si dispera davanti a una mafia che si nasconde.

Attilio Bolzoni a proposito di Letizia Battaglia, fotografa palermitana (classe 1935, e che classe) che visse in prima linea la stagione delle stragi di mafia e della quotidiana mattanza. Bolzoni era cronista del leggendario giornale L’Ora e Battaglia era sempre lì, a testimoniare.

Letizia Battaglia – Festa del giorno dei morti. I bambini giocano con le armi

Letizia Battaglia – Quartiere Borgo Vecchio, la polizia ha appena ucciso un giovane che stava fuggendo
Palermo, 1986

Letizia Battaglia, La donna ed i suoi bambini stanno sempre a letto. In casa non ci sono nè luce nè acqua
Palermo, 1978

Letizia Battaglia, La conta. Dopo la Processione dei Misteri gli uomini contano i soldi delle offerte, Trapani, 1992.

Letizia Battaglia, La bambina con il pallone, quartiere la Cala, Palermo, 1980

(via)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *