Cronache transalpine #3 – Bella Ciao al Bataclan

La prima volta che ho sentito nominare il Bataclan di Parigi ero in un negozio di dischi in via Principe di Villafranca a Palermo. Quando compravo i dischi dopo averli letti nelle riviste, quando compravo i dischi senza sentirli prima, o al massimo chiedevo il favore al commesso del negozio di dischi di allungarmi una cuffia per favore, quando i dischi costavano 35mila lire, quando cercavo disperatamente qualcosa, qualsiasi cosa avesse a che fare con Jeff Buckley, che era morto prima ancora che lo sapessi e, soprattutto, quando poi tornavo a casa e ascoltavo sul lettore Live from Bataclan.

Continue…

Cronache transalpine #2 – Tutto mi parla di te, o Italia

Il sistema scolastico del Paese in cui vivo è organizzato così: ogni sei settimane di scuola ce ne sono due di vacanze. Detto anche: ogni due mesi mezzo mese è gratis, detto anche: chiaro che poi siete degli ignoranti precisi (questo lo dicono gli italiani livorosi, quelli che “siamo evasori fiscali ma almeno sappiamo la storia del nostro Paese” “Appunto”). A cascata, conseguenze tipo che ogni sei settimane le famiglie e la società entrano in modalità ‘vacanze scolastiche ON’. Queste vacanze coincidono, più o meno, con i Morti, col Santo Natale, con Carnevale, con Pasqua e così via. La Francia è un Paese Superiore Che Ha Capito Tutto.

Continue…