Auci, il libraio e la professoressa

Nella Palermo d’un certo livello non si parla d’altro: Stefania Auci. Tutti leggono Auci, tutti commentano Auci, tutti millantano legami e amicizie con Auci (“Andava a scuola con mio genero” “Vero dici? Mia cugina ci giocava a pallavolo”). Ieri, cercando ispirazione in libreria per un buono regalo di compleanno (ormai gli unici a farti auguri e regali sono rimasti i messaggi automatici delle mailing list) (ovviamente ricatto: se spendi 30 di libri te ne ridiamo 10), sento il libraio che fa alla cliente (“Io? Professoressa di lettere sono. Lettere e storia”): “Ma lei l’ha letto I Leoni di Sicilia?”. 

Continue…